Slide FanBox

ON FIRE

martedì 27 marzo 2018

Manuel PlayGround - TECNICA DI TIRO - Settima parte - Il Gomito della mano di tiro



Prima del rilascio finale del tiro, ci sono ancora alcuni aspetti importanti della tecnica di tiro di cui tenere conto.
Il canestro per poter essere "violato", deve essere visto (anche se a tecnica di tiro perfezionata e dopo tanto tanto allenamento, come si usa dire, si può tirare "ad occhi chiusi".
La posizione del gomito della mano di tiro, deve essere alzato quel tanto che basta (inutile parlare di gradi in questo senso), da permettere di vedere agevolmente il canestro da sotto la palla.
Senza scomodare i grandi anatomisti ricordiamo comunque come si chiamano le parti dell'arto superiore. 



Quindi l'angolo che si formerà tra il petto ed il braccio (osso dell'omero) sarà per forza superiore ai 90° a meno di non avere un avambraccio (ossa ulna e radio) eccezionalmente lungo oppure di avere una vista ai raggi X ;).
Viceversa l'angolo tra braccio ed avambraccio (il gomito) dovrà avere un angolo il quanto più possibile (come ripetiamo sempre non siamo tutti uguali ed il confort di tiro varia da atleta ad atleta) uguale o vicino ai 90°.

Quest'angolo infatti garantisce il perfetto sostegno della palla, garantendo la perfetta carica del sistema braccio/avambraccio,  facendo di conseguenza assumere al polso un angolo vicino ai 90° in modo consentire il giusto piegamento del polso in equilibrio di forze (non troppo "dritto": poco caricamento, non troppo piegato: caricamento eccessivo).

Provate e riprovate la vostra posizione di tiro.
La tecnologia oggi ci aiuta: se non avete uno specchio a disposizione in palestra ed in casa vi vergognate, riprendetevi o fatevi riprendere con il cellulare. VEDERSI vale più di mille consigli. Solitamente (se ne conosciamo l'origine) i video, le immagini non mentono. Le parole degli allenatori ed i loro consigli alle volte risuonano fastidiosi ed inutili, ma gli occhi, i propri occhi, non mentono.

<< vai al precedente post sulla tecnica di tiro
 >> vai al post successivo sulla tecnica di tiro







Nessun commento: